sabato 3 ottobre 2015

Sesto giorno ceco

3 ottobre, sabato, da Strakonice a České Budêjovice

Finalmente parto poco dopo le 7:30, era da diversi giorni che non ci riuscivo, specia da quando sono in Rep. Ceca. Posto che più passa il tempo e meno mi piace.
Anche oggi statale! Il traffico del sabato permette di muoversi liberamente sulla strada, anche se, guarda caso, proprio il tratto che sto  percorrendo è uno dei migliori da quando sono entrato nel paese.

Un finalmente va pure al fatto che non c'è vento stamane, che magari un poco sarebbe servito sulla salita che porta fuori da Strakonice. A metà salita ho già le natiche bagnate di sudore.
Il paesaggio cambia di poco, la vegetazione da alto fusto, ove ancora esiste, non è fatta dalle solite pinete od abetaie, ma da grossi alberi di latifoglie.
Nebrehovice, Ceniche, Dragonice, Albrechtice sono i centri che attraverso prima delle 13, ora nella quale decido la sosta pranzo in quel di Vodnany.

Qui devo decidere la direzione da prendere, e decido per la metà odierna.
Quindi attraversando una landa oramai versata alla noiosità, incrocio i paesi di Újezd, Postin, Češnovice ed infine Dasny, quale avanguardia di České.
L'ultimo tratto non è dei migliori, alcuni km su una strada a 4 corsie con divisorio centrale, quindi il lungo percorso cittadino alla ricerca dell'ostello ove sostare la notte.

Meteorologicamente parlando è stata quasi la giornata perfetta, cielo nuvoloso ma non troppo, vento che si fa sentire dopo le 10 ma con una intensità di molto inferiore ai giorni scorsi.
La strada, quasi sempre o solo statale, eccetto alcuni brevi tratti di campagna.

Giunto in città chiedendo informazioni, un ragazzo del luogo, mi dice che i miei problemi di connessione telefonica sono una cosa generalizzata e che lo schifo riguarda tutte le compagnie del paese, tutte tedesche, il che la dice lunga sul tipo di servizio.

La cosa sconsolante è che arrivato in ostello, parlando con dei ragazzi, vengo a sapere che la stessa cosa vale pure per la Slovacchia!